‘L’Arte di essere donna’: il Premio UNAMSI – Gedeon Richter

Un Premio giornalistico con l’intento di promuovere la piu’ sensibile, corretta e completa informazione sul tema della donna e la sua femminilita’. E’ stato lanciato oggi, in occasione della Giornata della Donna, dall’UNAMSI, l’ associazione dei giornalisti dell’area Salute, e da Gedeon Richter, azienda leader in campo ginegologico.

Il Premio, che si intitola ‘L’arte di essere donna – Le sfumature della femminilità’, e’ dotato di 20 mila euro, che saranno ripartiti in cinque premi da 4000 euro ciascuno per articoli pubblicati nel periodo 1/o settembre 2011-31 agosto 2012, su agenzie di stampa; quotidiani/periodici; testate specializzate; siti internet; servizi su Radio e TV.
“La nostra scelta di istituire un premio giornalistico dedicato alla donna – spiega Sandor Jordan, Amministratore Delegato di Gedeon Richter Italia – risponde alla necessità di promuovere un’informazione completa, originale ed efficace sul tema della femminilità nell’intero arco della vita riproduttiva, dalle trasformazioni dell’adolescenza alla contraccezione, dalla sessualità al rapporto di coppia e alla scelta della maternità, dalla menopausa alle patologie ginecologiche benigne, con particolare riferimento a quelle che hanno un forte impatto sociale e sulla qualità di vita, come ad esempio i fibromi uterini”.
La partecipazione e’ aperta a tutti gli iscritti all’Ordine dei Giornalisti. La giuria e’ composta dai giornalisti Francesco Brancati (Presidente UNAMSI), Luisa Monini (Panacea, Teletutto/Il Giornale di Brescia), Cinzia Testa (Donna Moderna), e dai docenti Chiara Benedetto (Universita’ degli Studi di Torino) e Francesco Primiero (Universita’ La Sapienza, di Roma). Ogni altra informazione, compresi il regolamento del concorso e i moduli di iscrizione, si puo’ trovare su www.unamsi.it.
“Tra gli scopi della nostra Associazione – afferma Francesco Brancati, Presidente UNAMSI – c’è la promozione di una sempre più corretta e completa informazione dei lettori nel settore della Salute. Per far questo cerchiamo di aiutare i giornalisti italiani a migliorarsi, in vari modi: proponendo loro corsi di aggiornamento, borse di studio, la partecipazione ai congressi internazionali e anche premi giornalistici. Siamo in particolare convinti che mettere in concorrenza i colleghi su un medesimo tema prospettando un premio, significa spingerli a un’informazione giornalistica al tempo stesso vivace e fruibile da tutti, ma anche corretta, completa, rigorosa nei dati. Abbiamo così accettato con piacere la proposta di un premio che oltretutto ha per tema i problemi della donna, avendo anche constatato che l’interesse per la Medicina di genere ha favorito negli ultimi anni la nascita di molte iniziative editoriali”.

Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.