Terapia del dolore, il premio Gerbera d’oro alla Rete RED dell’ospedale Niguarda

Il prestigioso riconoscimento della Conferenza delle Regioni e della Fondazione Gigi Ghirotti quest’anno è andato all’iniziativa che riunisce 1.100 medici di base e li collega con tutte le strutture e gli specialisti della cura del dolore milanesi. “Chi soffre della ‘malattia dolore’ deve essere visitato, ma anche ascoltato, creduto, curato e seguito con la massima appropriatezza”, afferma Paolo Notaro, responsabile del Centro di Terapia del Dolore dell’Ospedale Niguarda

ROMA – La Gerbera d’Oro, attribuito dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e dalla Fondazione nazionale “Gigi Ghirotti” a progetti particolarmente innovativi ed efficaci per la lotta al dolore, è stata assegnata per il 2017 al progetto “Rete terapia del dolore RED” dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano, Regione Lombardia. Proprio con la creazione di questa rete è stato possibile, infatti, garantire la continuità assistenziale e i collegamenti multispecialistici con i medici e le strutture territoriali e ospedaliere.

Con l’attivazione della rete RED, i medici di medicina generale offrono una prima risposta alle esigenze di cura, intervengono sul dolore e indirizzano il paziente complesso ai Centri specialistici di terapia del dolore. Proprio per rispondere alle esigenze dei pazienti inviati dai medici di medicina generale, dal 2015 l’ospedale di Niguarda (centro di terapia del dolore di secondo livello) ha assunto un ruolo centrale nella realizzazione di una rete di centri specialistici. Si è partiti da un’analisi preliminare dei bisogni, poi sono stati contattati tutti i centri erogatori di terapia del dolore del territorio milanese che sono entrati a far parte della rete del dolore. Le condizioni per l’accesso: mappatura dei servizi, utilizzo del logo della rete sul proprio sito web, disponibilità di slot riservati al contatto diretto con il Medico di medicina generale.

Fanno parte del network 1.100 medici di medicina generale e nove strutture ospedaliere (Ospedale Metropolitano di Niguarda, Fatebenefratelli-Sacco, Gaetano Pini, ASST Nord Milano, Santi Paolo e Carlo, Fondazione Ca’ Granda-Ospedale Maggiore Policlinico, Istituto Nazionale Tumori, Istituto Clinico Città Studi e IEO) hanno aderito al progetto. E’ stata  così redatta una carta dei servizi della Rete della Terapia del Dolore di Milano (RED-Milano) e inviata ai Medici di Medicina Generale.

Gli obiettivi

RED Milano ha come obiettivi: informazione ai cittadini e orientamento degli operatori sui servizi di terapia del dolore; presa in carico specialistica e organica dei pazienti affetti da dolore cronico complessi e refrattari ai trattamenti; accesso tempestivo alle cure appropriate algologiche contro il dolore; riduzione della frammentazione dei servizi; miglioramento della qualità di trattamento dei malati da parte dei Medici di medicina generale.

L’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, commentando nella sede del ministero della Salute l’attribuzione del premio all’Ospedale Metropolitano Niguarda, ha sottolineato l’impegno del direttore generale Marco Trivelli e del coordinatore del Centro di terapia del dolore Paolo Notaro: “La Lombardia – ha detto – si conferma ancora una volta all’avanguardia e dimostra di rivolgere la massima attenzione per migliorare la qualità della vita ai pazienti affetti da dolori cronici e quindi più fragili e vulnerabili. Il sistema delle Reti su cui puntiamo è uno strumento vincente e questo progetto dimostra la concreta attuazione della nostra riforma sanitaria. Non solo. Molti ragazzi si sono offerti di collaborare con la Nopain Onlus e questo è un risultato straordinario”.

Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.