Expo: ‘Dialoghi della Chirurgia’, la Medicina parla al pubblico sull’Alimentazione

22 conferenze aperte al pubblico promosse dal Collegio Italiano dei Chirurghi con il patrocinio di UNAMSI, per fornire informazioni ‘certificate’ a giornalisti e direttamente ai pazienti

MILANO – ‘Stai bene a tavola ed eviti il tavolo…operatorio’. E’ questo il titolo, molto significativo, di una delle 22 conferenze aperte al pubblico che il ‘Collegio Italiano dei Chirurghi’ propone nell’ambito di EXPO 2015. Sono informazioni ‘certificate’ sui problemi della salute connessi con l’alimentazione e su percorsi terapeutici condivisi dalla comunità scientifica internazionale.
Read more »

Al Socio Massimo Barberi uno dei premi SOI 2015

Il riconoscimento grazie a un servizio su ‘Sapere & Salute’ intitolato ‘Retina: quando si chiude la vena centrale’

MILANO – Il collega Massimo Barberi, Socio UNAMSI, ha vinto uno dei tre premi giornalistici che la Società Oftalmologica Italiana (SOI) mette in palio ogni anno per i migliori articoli sulla prevenzione, la diagnosi e la terapia delle malattie dell’occhio.
Read more »

I libri dei nostri soci – A Renzo Pellati il ‘Prix de la Littérature Gastronomique’ per ‘La storia di ciò che mangiamo’

L’alto riconoscimento gli è stato conferito in una cerimonia presso la Reggia di Colorno. Nel libro vengono svelate curiosità impensabili: …i maccheroni sono originari del deserto africano e anche il risotto alla milanese ha origini arabe. Il babà, invece, non ha origini napoletane, ma nasce nientemeno che in Polonia…

MILANO – Le prugne ‘della California’? Sono nate in Francia. I kaki? Sono un ‘regalo’ dell’esercito sabaudo e i mandarini non furono portati in Sicilia dagli arabi, come gli altri agrumi, ma arrivarono in Europa dalla Cina, passando per Londra. Sono solo alcune delle notizie curiose contenute ne ‘La storia di ciò che mangiamo’ (Daniela Piazza Editore, 448 pagine, 28 euro), scritto da Renzo Pellati, specialista in Scienze dell’Alimentazione, nonché Socio dell’UNAMSI, la cui terza edizione ha vinto il ‘Prix de la Littérature Gastronomique 2015’.
Read more »