Cuore di donna rischia di più

Il 46% delle donne non svolge attività fisica nel tempo libero; il 30% è iperteso; il 25% ha il colesterolo alto; il 22% è obeso; il 21% fuma 13 sigarette al giorno; il 17% ha i trigliceridi elevati; il 6% è diabetico. Sono i dati allarmanti sul rischio cardiovascolare della donna, che rischia molto di più rispetto all’uomo, diffusi in un incontro a Milano promosso da ONDA-Osservatorio nazionale sulla salute della donna e da UNAMSI, nell’ambito di un ciclo di formazione professionale continua rivolto ai giornalisti

MILANO – La spiegazione dei dati richiede una premessa: la donna tende a sottovalutare il profilo di rischio della propria salute, in particolare cardiovascolare, e ad avere un maggior impatto emotivo verso le malattie oncologiche. Read more »

Vaccini. Una trasmissione Rai contro la scienza

Nella puntata di Virus di giovedì 12 maggio, in tema di vaccini, il servizio pubblico ha dato spazio alle opinioni di Red Ronnie contrarie alle vaccinazioni dei bambini. Le proteste di un immunologo e di 45 mila persone che ne hanno condiviso il post su FaceBook, insieme a quelle di Società scientifiche e di importanti esponenti del mondo della ricerca porteranno il caso in commissione di vigilanza Rai.

MILANO – L’offensiva dell’oscurantismo e dell’ignoranza contro la scienza continua: il mondo della ricerca e quello della corretta informazione scientifica pensava di aver avuto l’ultima parola, confutando più volte sui maggiori quotidiani d’informazione nazionali le pericolose sciocchezze sui ‘vaccini causa dell’autismo’, ma il fronte si arricchisce di un nuovo episodio. Read more »

‘Dieta mediterranea’: nasce in Italia ma agli italiani piace meno

È la fotografia scattata dagli oltre 15.000 test compilati sul sito curarelasalute.com nell’ambito della ricerca GfK Eurisko sulle abitudini alimentari degli italiani, che non sono più quelle raffigurate da Renato Guttuso nella sua celebre ‘Vucciria’ (nella foto) esposta l’anno scorso all’Expo. E gli esperti, riuniti a Milano, denunciano: il 30% dei tumori è provocato da una dieta scorretta

MILANO – I dati parlano chiaro: solo 2 italiani su 10 consumano il corretto quantitativo di frutta e solo 3 su 10 di verdura (ma ritengono di comportarsi bene); solo 2 su 10 assumono in dosi adeguate i latticini e 3 su 10 le uova (entrambi alimenti ricchi di Vitamina D, fondamentale per la salute delle ossa e del sistema immunitario); solo 1 su 3 mangia pesce; solo 1 su 2 mangia a dosi raccomandate frutta a guscio (noci, nocciole o mandorle, ricchi di Omega 3 e Omega 6); 1 italiano su 2 beve meno di 1,5 litri di acqua al giorno. Read more »