ONDA e UNAMSI premiano l’attenzione alla salute della donna

Ad Agnese Codignola, Cinzia Testa e Tiziana Moriconi il ‘Premio Onda’. Sei le targhe con ‘menzione speciale’. L’iniziativa dopo sei corsi Fpc UNAMSI-ONDA in primavera, con la partecipazione di 400 giornalisti

MILANO – Promuovere la più sensibile, corretta e completa informazione sulla salute della donna. Un obiettivo che è stato certamente raggiunto con successo e con grande slancio dalla prima edizione del premio giornalistico “Donne e salute. Read more »

Come nasce un farmaco, dal laboratorio alla sperimentazione, alla farmacovigilanza

Il metodo e il rigore scientifico contro le bufale della Rete. Un corso di formazione professionale continua per giornalisti organizzato da UNAMSI insieme a UGIS che celebra 50 anni di attività.
MILANO – “Come nasce un farmaco: i rischi delle informazioni fai-da-te. Dalla sperimentazione animale alla farmacovigilanza” è il titolo del corso di Formazione professionale continua (Fpc) per giornalisti organizzato da UNAMSI  assieme a UGIS (Unione dei Giornalisti Scientifici Italiani) che celebra quest’anno i suoi cinquant’anni di attività. L’incontro, che ha fatto registrare la partecipazione di oltre cento giornalisti di quotidiani, periodici, web e televisioni, si è svolto presso il Centro congressi Fast (Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche) di Milano.

Read more »

Progetto EUPATI: i pazienti tra i protagonisti della Ricerca

L’Europa ha ora un piccolo esercito di Pazienti Esperti, formati e informati, a pieno titolo protagonisti nella ricerca e sviluppo (R&S) dei farmaci. Passo successivo: operare ufficialmente nei tavoli decisionali su salute e sviluppo delle terapie. Il “pieno supporto” dall’AIFA. Il ruolo dell’UNAMSI, da ottobre nel board scientifico EUPATI, quale braccio per l’informazione medico-scientifica.

BRUXELLES – “Il coinvolgimento dei pazienti nell’ambito della ricerca e sviluppo dei farmaci, e della salute in generale, è diventata una vera priorità e ormai non sono più solo i pazienti a dirlo ma anche la comunità scientifica, l’industria, le istituzioni e le agenzie regolatorie”. Read more »