”Basta con i DRG”, dalla Sanità di Obama la ‘Medicina del Valore’

Una misura che rappresenti la massima tutela di salute per ogni euro speso. La proposta dello IEO per una Sanità sostenibile – Lo studio del Cergas sui dati della Regione Lombardia

MILANO – Basta con il metodo del “rimborso a prestazione” e con le tabelle dei DRG. E’ giunta l’ora della “medicina del valore”, concetto del tutto innovativo per l’Italia, ma proposto fin dal 2008 dall’americano Michael Porter (Harvard Business School) e attualmente sperimentato nella riforma sanitaria di Barack Obama.
Il cambiamento sta nella logica di misurazione dei risultati e serve ad avere una Sanità sostenibile, secondo quanto proposto dall’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) oggi diretto da Roberto Orecchia, che dal primo Gennaio è succeduto a Umberto Veronesi.
Si tratta di una novità assoluta per il nostro Paese, secondo la quale gli ospedali non dovrebbero più essere guidati prevalentemente dall’obiettivo di aumentare le prestazioni e i volumi di attività, come accade ore con il sistema DRG. Ma dovrebbero fare maggiore attenzione alla appropriatezza e alla qualità della prestazione, alla riduzione dei costi diretti e soprattutto dei costi indiretti della fase post-acuta.
Ne è convinto Massimo Monturano, risk manager dello Ieo, secondo il quale ”in questo modo si genera ‘valore’ per il paziente, ma più in generale per il Servizio sanitario nazionale (SSN). E in questa nuova valutazione, ”il termine ‘value’ non è riconducibile al ‘costo’ di un intervento, quanto piuttosto ad una sua valutazione complessiva, integrando tutti i benefici e tutte le complicanze di un intervento terapeutico in un unico macro indicatore”.
Ora, sulla base degli studi americani, l’IEO ha elaborato un modello ”che mette in relazione qualità delle cure e costi – precisa Monturano – un rapporto che oggi da noi nessuno misura”.
Questo approccio innovativo, condotto con il Cergas dell’ Università Bocconi, diretto dal Prof. Elio Borgonovi – ha prodotto un primo studio su dati della Regione Lombardia. ”Da cui emerge – afferma Monturano – che se si va a valutare la qualità delle cure erogate in un certo numero di ospedali, si vede chiaramente che quando la qualità si abbassa aumentano in corrispondenza i problemi per il paziente, o i casi di recidiva che necessitano altre cure o anche un reintervento e che in un solo anno possono anche far triplicare il costo iniziale del Drg”.
Ecco perché, secondo il manager dell’IEO, ”remunerare un’azienda indipendentemente dalla sua qualità clinica è profondamente ingiusto e di conseguenza avere un Drg uguale per tutti è sbagliato”. E’ invece necessario ”costruire un’equazione – conclude Monturano – che rapporti gli esiti di cura, nel loro complesso, ai costi diretti e indiretti sostenuti complessivamente dal sistema. Il risultato di questa equazione è il ‘valore’, non inteso quindi come un concetto nobile e astratto, ma come una vera misura in grado di cogliere le diverse dimensioni della salute e ricondurle ad un unico numero, che rappresenta la massima tutela di salute raggiunta per ogni euro speso”.

Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.